Sergio Vaccher Nature & Wildlife Photographer  © 2016 Tutti i diritti sono riservati  Disegno e grafica  Web   Sergio Vaccher


Sergio Vaccher


Nature & Wildlife Photographer


 INFORMATIVA    Questo sito utilizza solo cookie di tipo tecnico, per la corretta  navigazione/fruizione del sito stesso e per le analisi statistiche Ai sensi dell'art.13 del d.lgs.n.196/2003 (c.d. Codice Privacy)non è richiesto quindi il consenso da parte dell'utente. Clicca qui per maggiori info


 



Sergio Vaccher

Fotografo da oltre 25 anni con particolare impegno nella fotografia naturalistica. Membro dell’Associazione Fotografi Naturalisti Italiani (A.F.N.I.) e della Societa’ Naturalistica Cordenonese , mira con le sue immagini a far conoscere alcuni ambienti della Regione Friuli Venezia Giulia e Veneto con particolare attenzione ai “ Magredi” e alle zone di “ Risorgiva”.Alcune sue immagini hanno ottenuto importanti riconoscimenti in Italia e all’estero oltre che a essere state pubblicate su riviste ,libri ,calendari e mostre. Oltre alla natura , altri temi sono presenti nei suoi archivi e lavori multimediali. In particolare lavori fatti su Venezia e il suo Carnevale,le mani in attività umane ,i matrimoni,la grafica come aspetto artistico,il ritratto e  avvenimenti sportivi.Con le immagini produce lavori a tema in dvd per proiezioni multimediali.





Recensione


Sergio con la sua fotografia fa parlare innanzitutto la natura, il cui ascolto gli permette di penetrare segreti che soltanto la nostra cecità ci impedisce di cogliere. Con la sua opera egli offre un palcoscenico all’arte e alla bellezza che sono già scritti nella natura. Quest’ultima appare soltanto in attesa di qualcuno capace di farsene interprete e di svelare la straordinaria varietà delle sue forme e ei suoi colori, catturandoli per mezzo della luce, su una superficie chimica o digitale. Un esercizio di pazienza e fedeltà ha permesso a Sergio di alzarsi prestissimo la mattina per lunghi anni, mentre noi tutti dormivamo… di fermarsi, di guardare, di osservare, ma soprattutto di aspettare che la natura si manifestasse coi  propri attimi fuggenti, che egli ha sentito il dovere di restituire, in atto di vera generosità, a noi che forse ora stiamo guardando le sue fotografie  comodamente seduti in poltrona. La bellezza delle immagini che nel tempo Sergio ha potuto raccogliere sta tutta nella sua capacità di inseguire la natura e di sintonizzarsi al suo ritmo ed alle sue stagioni. Egli non pretende mai di piegarla alle proprie esigenze. Sergio è in grado di  adattarsi con tranquillità in tutte le circostanze, andandole incontro; anche quando questo significa rimanere fermi per ore, nell’afa soffocante  delle torbiere, in mezzo al nugolo di insetti ronzanti od alla mercé dei venti gradi centigradi sottozero con i suoi lunghi stivali immerso nell’acqua  gelida in attesa che si concretizzi l’istante in cui premere il pulsante della sua fotocamera che in questo caso non restituisce cadaveri, bensì  soltanto frammenti di vita pulsante. Sergio, con la sua capacità di gettarsi per qualche ora alle spalle il ritmo stressante della città, ci regala fotogrammi che appaiono riverberi dell’Universo e con la sua sensibilità ci permette di cogliere quell’incredibile campionario di forme di vita che è  la biodiversità. Sergio con le sue foto premiate in giro per l’Italia e per l’Europa fa conoscere fuori dal confine ristretto della nostra Regione e del  nostro Paese la straordinaria ricchezza che possediamo e che ci appartiene e di cui solo a causa della nostra distrazione è così difficile rendersi  conto.

Stefano Fabian